Call us toll free: +1 800 789 50 12
Top notch Multipurpose WordPress Theme!
May
12

La Self Mirroring Therapy applicata al trattamento del disturbo ossessivo compulsivo – GE,11/7/2015

La Self Mirroring Therapy applicata al trattamento del disturbo ossessivo compulsivo

Genova, 11/7/2015

 

 

La Self Mirroring Therapy (SMT) è una nuova metodica che, integrandosi con i vari approcci clinici, ne incrementa l’efficacia terapeutica. Tale metodologia nasce dall’esigenza di integrare nel setting terapeutico le più recenti conoscenze neuro-scientifiche, in particolare quelle sul sistema dei neuroni specchio, con lo scopo di migliorare l’efficacia del trattamento. La SMT utilizza come principale strumento terapeutico la videoregistrazione di se stessi durante alcuni momenti emotivamente significativi della seduta terapeutica, al fine di incrementare in un modo diverso le capacità metacognitive del soggetto
Infatti, con la SMT il paziente, osservandosi come se fosse il “personaggio” di un film, riconosce le proprie emozioni non attraverso le sue capacità autoriflessive (spesso alquanto deficitarie), ma “dal di fuori”, ossia attraverso l’osservazione diretta della propria espressione emotiva. In questo modo la SMT fa sì che il paziente “sfrutti” verso se stesso quella capacità innata, mediata principalmente dal sistema dei neuroni specchio, che normalmente usa per comprendere in modo automatico, intuitivo e inconscio l’emozione altrui. Tale tecnica terapeutica nasce anche a partire da recenti studi di neuroimaging, che dimostrano come il sistema dei neuroni specchio si attivi in misura maggiore proprio quando osserviamo il nostro volto rispetto a quello altrui (Uddin et al 2005, 2007; Kaplan et al 2008; Iacoboni 2008).
Inoltre la visione di se’ attraverso il video permette al paziente di evidenziare e rendere esplicite anche a se stesso le discrepanze tra il contenuto verbale e le sue espressioni emotive, svelando così i propri meccanismi di “autoinganno” che contribuiscono al mantenimento delle convinzioni disfunzionali correlate ai vari quadri psicopatologici
Per il paziente l’effetto terapeutico finale è duplice: da una parte, una sorta di “insight” sulle convinzioni che ha sviluppato nel tempo su di se’ e sugli altri, dall’altra l’attivazione di sentimenti empatici di accudimento, compassione e di “perdono” verso se stessi; tutto ciò gli consente di entrare più in sintonia e di migliorare il rapporto con quel “personaggio” che osserva nel video e, quindi, in ultima analisi, di raggiungere in tempi relativamente brevi un maggior livello di benessere psichico.

Durante il workshop introduttivo i partecipanti sperimenteranno, utilizzando il protocollo della Self Mirroring Therapy, come l’auto osservazione da una posizione esterna faciliti la comprensione empatica delle proprie emozioni. Impareranno inoltre ad applicare la Self Mirroring Therapy per incrementare l’efficacia dei protocolli già esistenti per il trattamento del disturbo ossessivo compulsivo. Al termine del corso sarà rilasciato un attestato di frequenza

PROGRAMMA DEL CORSO – sabato 11/7/2015

09.00-10.00   Psicopatologia e psicoterapia del disturbo ossessivo compulsivo secondo la psicoterapia cognitivo comportamentale

10.00-11.00   La  Self Mirroring Therapy: basi teoriche

11.00-13.00 La Self Mirroring Therapy nella pratica clinica, esercitazioni pratiche

14.00-18.30 La Self Mirroring Therapy applicata al trattamento del disturbo ossessivo compulsivo: teoria ed applicazioni pratiche su casi clinici

DOCENTI:

Dott. Piergiuseppe Vinai, medico, psicologo, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale, didatta di Studi Cognitivi di Milano,  socio didatta della SITCC, direttore del Self Mirroring Therapy Institute

Dott. Maurizio Speciale, psicologo, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale, docente di Studi Cognitivi di Milano, socio ordinario della SITCC, responsabile del Self Mirroring Therapy Institute

Dott.ssa Michela Alibrandi, psicologa, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale, responsabile del Centro Clinico Genovese di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Dott.ssa Ursula Catenazzi, psicologa, psicoterapeuta cognitiva e terapeuta EMDR. Co fondatrice del centro “Mente e Corpo” di Bologna.

MODALITÀ DI ISCRIZIONE: 

Il costo del corso è di 120€ IVA compresa, da pagare secondo le modalità indicate nella scheda di iscrizione. Per rendere effettiva la propria iscrizione occorre inviare la scheda d’iscrizione e una copia del bonifico di pagamento effettuato alla mail info@genovapsicologia.it

 

 

Scarica la locandina in pdf

evento facebook corso self mirroring therapy  evento su facebook

 

 

Sorry, the comment form is closed at this time.